TEHERAN E IL MUSEO NAZIONALE DEL TAPPETO
21 marzo 2017
Mostra tutto

I tappeti persiani rappresentano un pezzo forte dell’arredamento di una casa. Infatti, possono essere, anche, una sorta di biglietto da visita, oppure, quel particolare che contribuisce a rendere più unico un determinato ambiente.

E’ errato ritenere che tali tappeti siano adatti solo in abitazioni di stile classico o antico; al contrario, oggi, si adattano molto bene anche ad uno stile moderno e innovativo. Il contrasto che ne deriva è un qualcosa di originale e di altamente fantasioso. Come in ogni cosa, è necessario avere solo un po’ di buon gusto.
I tappeti persiani, presentano notevoli e variate caratteristiche. Chi si accinge ad acquistare questo must dell’arredamento interno, deve avere almeno una sommaria conoscenza dei pregi, dei difetti e delle diversità, in modo tale da effettuare un acquisto oculato e consapevole.
Quando ci si reca presso un negozio di tappeti persiani, la prima cosa su cui doversi informare, è la tematica dei nodi. Questi ultimi hanno il ruolo di unire la lana all’intreccio del tappeto, seguendo ovviamente le linee del disegno.

Esistono due tecniche di nodi: il “FARSIBAFT o SENNEH” e il “TURKIBAFT o GHIORDES”. Rispettivamente nodo persiano e nodo turco. Più un tappeto necessita di nodi e più aumenta il prezzo finale, cioè, il prezzo di mercato (giustificato dal maggior tempo impiegato per la lavorazione). Si deve diffidare da coloro che non eseguono con cura e diligenza tutti i nodi, anzi, da coloro che sostituiscono alla tecnica di un solo nodo, il cosi detto doppio nodo. Un buon tappeto persiano richiede un tempo minimo di 4 mesi di preparazione.

Un’altra caratteristica da non sottovalutare è rappresentata dal materiale usato. Il migliore in assoluto è la lana Kork, i cui filati si presentano morbidi, vellutati e leggeri al tatto. Ma, un tappeto veramente pregiato, possiede anche pezzi in seta. Ad esempio, i fiori, i rombi, ecc. Talvolta, la trama del tappeto, può essere realizzata anche con un cotone leggero; ed in questo caso, il prezzo è notevolmente inferiore rispetto ad un tappeto fatto in seta. Un tappeto più è leggero e sottile e più è pregiato e costoso.
Circa il disegno, è utile ricordare, che un tappeto caratterizzato da fiori richiede un tempo maggiore di produzione, a differenza dei disegni tribali o geometrici. Non a caso, i tappeti floreali, sono più indicati per ampi saloni, importanti studi e stanze meno frequentate della casa.

I tappeti persiani devono essere tenuti lontano dai raggi del sole. Con il passar del tempo, un buon tappeto, diventa più bello. Infine, in caso di acquisto, è giusto informarsi sulle origini di provenienza e dunque sui migliori luoghi di produzione e soprattutto chiedere il rilascio del certificato di garanzia.